• RSSFeed RSS
  • CommentiScrivi un commento
  • TIM: Catteneo lascia la poltrona di AD
  • Anche Alexa su Android

AGCOM indaga sul roaming zero italiano

Il cosiddetto roaming zero è entrato in vigore in tutti gli stati membri dell'Unione Europea lo scorso 15 giugno, grazie ad esso gli utenti che hanno attivato un piano tariffario nel proprio Paese potranno telefonare, inviare SMS e navigare su Internet senza dover sottostare ad alcun costo aggiuntivo dovuto al fatto di trovarsi all'estero.

Ora, per capire se gli operatori italiani stiano effettivamente applicando il roaming zero tenendo conto delle regole attualmente in vigore sarebbe intervenuta l'AGCOM (Autorità per le garanzie nelle comunicazioni), decisa a condurre un'indagine dopo aver ricevuto alcune segnalazioni riguardanti l'applicazione di eccezioni non previste.

Secondo quanto dichiarato dal commissario AGCOM Antonio Nicita, nel caso in cui dovessero essere rilevate delle condotte non ortodosse l'autorità provvederà a formulare dei richiami ufficiali nei confronti degli operatori già a partire dalla prossima settimana. Sotto la lente d'ingrandimento vi sarebbero in particolare alcune offerte di TIM e Vodafone.

I provider potrebbero ricevere delle contestazioni soprattutto nei casi in cui venisse accertata la pratica di consentire l'utilizzo di alcune opzioni tariffarie soltanto all'interno dei confini nazionali. Nello stesso modo potrebbe essere sanzionato il fatto di poter utilizzare soltanto parte del traffico disponibile quando ci si trova al di fuori dell'Italia.

Chiaramente al momento non è possibile pronunciarsi nettamente riguardo a tali modalità, questo perché le regole del roaming zero vietano specificatamente l'applicazione di sovrapprezzi, mentre la materia riguardante la differenziazione dei piani tariffari potrebbe essere stata normata solo parzialmente, lasciando quindi spazio a interpretazioni favorevoli per i provider.

Commenti
  • Segui Touchblog.it
Correlate