• RSSFeed RSS
  • CommentiScrivi un commento
  • Amazon apre una "vera" libreria a Seattle
  • Facebook, teletrasporto e realtà virtuale

Airbnb continuerà, lo ha deciso il popolo di San Francisco

Gli abitanti della città californiana di San Francisco sono stati chiamati nei giorni scorsi a votare per decidere se Airbnb, il noto servizio online che mette in contatto chi è alla ricerca di un alloggio o di una camera con persone che dispongono di spazi adeguati a tali richieste, potrà proseguire nella fornitura del proprio servizio.

Il responso del "popolo" recatosi alle urne sarebbe stato favorevole nei confronti dell'azienda che, tra l'altro, è nata proprio a San Francisco; infatti, con il 55% dei voti favorevoli la fine del referendum avrebbe stabilito che Airbnd non sarà vincolato ad ulteriori restrizioni nello svolgimento dell'attività praticata fino ad ora.

In sostanza la consultazione verteva sull'opportunità di autorizzare o meno una nuova normativa secondo la quale Airbnd, network operativo soprattutto su mobile, avrebbe dovuto limitare gli affitti a non più di 75 notti all'anno con inoltre la possibilità che dispettosi vicini di casa potessero denunciare alle autorità eventuali violazioni.

Il successo ottenuto dalla compagnia non sarebbe però soltanto il risultato del buon funzionamento dimostrato fino ad oggi, secondo quanto riportato da alcuni blog di settore i suoi responsabili avrebbero investito una somma di denaro ingente, si parla di oltre 8 milioni di dollari, mirata a schierare quanto più elettorato possibile alla propria causa.

Contro le istanze di Airbnb e dei suoi sostenitori vi erano anche le pressioni esercitate dalla potente lobby dei locatori, la piattaforma era infatti accusata di alterare l'andamento del mercato degli affitti spingendo i potenziali locatari a ricercare soluzioni per le lunghe permanenze al di fuori dell'area urbana di San Francisco.

Commenti
  • Segui Touchblog.it
Correlate