• RSSFeed RSS
  • CommentiScrivi un commento
  • Nuovo MacBook Pro con TouchBar
  • MacBook Pro, riduzione dei prezzi in vista?

Chi usa Facebook vive di più?

Secondo i ricercatori dell'Università di San Diego i social network come Facebook avrebbero un ruolo fondamentale nel creare e saldare i legami tra le persone, nello stesso modo le relazioni sociali anche online rappresenterebbero un fattore determinante per lo stato di salute (fisica e mentale) nonché la durata della vita di un individuo.

In sostanza la solitudine, sono parole degli accademici autori dello studio, rappresenterebbe un elemento di rischio in grado di accorciare la vita umana tanto quanto sostanze quali il fumo e l'alcol; una vita sociale attiva, anche quando mediata in parte da una piattaforma come il Sito in Blue, potrebbe garantire invece una vita più lunga.

Tali affermazioni sono contenute in una ricerca pubblicata su Pnas, rivista ufficiale della United States National Academy of Sciences; per il suo svolgimento sono stati analizzati i dati relativi a 12 milioni di residenti della California tenendo conto della loro partecipazione (o meno) a Facebook e dei dati di mortalità generati dal campione.

Sembrerebbe, chiaramente saranno necessari ulteriori studi, che chi frequenta attivamente il Sito in Blue abbia il 12% in meno di possibilità di morire entro l'anno di chi invece si tiene lonatano dal network di Mark Zuckerberg e soci. Questo però accadrebbe soltanto a coloro che utilizzano Facebook con "moderazione" e come strumento "complementare" alle proprie relazioni sociali.

Lo studio non ha naturalmente mancato di suscitare polemiche, soprattutto perché in alcuni casi sarebbe stato letto come un tentativo di sminuire il valore delle relazioni interpersonali nella vita reale. Rimane comunque il fatto che, in genere, a relazioni sociali attive sui network online corrispondono anche reti amicali già molto sviluppate.

Commenti
  • Segui Touchblog.it
Correlate