• RSSFeed RSS
  • CommentiScrivi un commento
  • Elon Musk: i governi devono regolare l'AI
  • Leggi più severe per lo smartphone alla guida

Elon Musk: su Marte sì, ma non con Dragon

L'imprenditore Elon Musk ha annunciato che la sua società SpaceX non utilizzerà le capsule Dragon per la sua prima missione sul Pianeta Rosso; l'azienda avrebbe infatti deciso di modificare i piani precedentemente stabiliti con lo scopo di utilizzare dei sistemi di nuova generazione. Alla base di tale decisione vi sarebbero deglle ricerche sulle modalità di atterraggio.

Secondo quanto pianificato inizialmente nel cosiddetto progetto "Red Dragon", la capsula Dragon avrebbe dovuto sfruttare alcuni motori in dotazione sullo scafo e raggiungere il suolo marziano tramite un atterraggio particolarmente morbido denominato "atterraggio propulsivo". Questa procedura non si sarebbe dimostrata ottimale e si è quindi deciso di intervenire.

Sempre secondo Musk i razzi e le capsule di nuova generazione permetterebbero di sfruttare modalità più congeniali per l'atterraggio, fin qui tutto bene se non fosse per il fatto che fino ad ora non sarebbe stato comunicato alcun dettaglio riguardante i vettori che dovrebbero sostituire Dragon.

Tra le motivazioni che hanno portato al cambio di rotta vi sarebbe anche la smisurata ambizione del CEO che avrebbe espresso il desiderio di portare su Marte una capsula più grande rispetto a quella testata fino ad ora; Dragon non è però un prototipo, ma un vettore che viene utilizzato già da tempo per rifornire la stazione spaziale orbitante ISS.

E' quindi probabile che la prossima capsula di SpaceX non sia altro che un'evoluzione di Dragon, quest'ultimo infatti sfrutta dei paracadute per rendere l'atterraggio meno traumatico possibile, un'eventuale "Dragon 2" potrebbe essere dotato di gambe mobili per l'atterraggio che dovrebbero garantire un maggior livello di sicurezza.

Commenti
  • Segui Touchblog.it
Correlate