• RSSFeed RSS
  • CommentiScrivi un commento
  • AI e occupazione, un rapporto virtuoso?
  • Qualcomm: l'iPhone X è privo di novità

Facebook investe un miliardo di dollari sulla sua Tv

I vertici di Menlo Park avrebbero deciso di investire un miliardo di dollari per la creazione di contenuti televisivi originali, tale stanziamento dovrebbe riguardare le spese previste per il 2018 e permettere a Facebook di proporsi come una nuova realtà nell'importante mercato dello streaming video oggi dominato da soggetti come Netflix.

Un miliardo di dollari è una cifra spropositata per qualsiasi comune mortale, ma non per l'industria televisiva che genera un giro d'affari ben superiore, anzi, alcuni analisti avrebbero addirittura criticato l'esiguità dell'investimento, ma è probabile che Mark Zuckerberg e soci vogliano iniziare con il proporre un'offerta limitata per sondare la reazione del pubblico.

Insomma, il miliardo di dollari precedentemente citato dovrebbe rappresentare soltanto un primo passo, se gli utilizzatori dovessero rispondere con entusiasmo all'iniziativa si procederà molto probabilmente ad incrementare l'investimento. Facebook può contare su una base composta da oltre 2 milairdi di utenti, ma traformarli in dei telespettatori potrebbe non essere semplicissimo.

Lo stanziamento verrà concentrato quasi sicuramente su Watch, l'hub creato da Facebook per la gestione dei suoi contenuti multimediali; ad oggi tale servizio è però raggiungibile soltanto dagli Stati Uniti è questo potrebbe limitare il numero di utenti a cui proporre le nuove produzioni televisive. L'eventuale successo di queste ultime potrebbe però incentivare Menlo Park ad estendere il raggio d'azione di Watch.

Per quanto riguarda la tipologia delle produzioni, queste verranno curate direttamente da Facebook o da editori incaricati da quest'ultimo, l'esempio seguito è probabilmente quello di Netflix che non ha limitato la sua offerta a prodotti di terze parti preferendo offrire anche diversi contenuti originali spesso proposti in esclusiva ai propri clienti.

Commenti
  • Segui Touchblog.it
Correlate