• RSSFeed RSS
  • CommentiScrivi un commento
  • Nuovo record di abbonamenti per Netflix
  • Instagram: nuova funzionalità contro i suicidi

Hillary Clinton voleva Tim Cook alla vicepresidenza?

La piattaforma di controinformazione WikiLeaks sta pubblicando in questi giorni alcuni messaggi di posta elettronica di Hillary Clinton, candidata democratica alla presidenza degli Stati Uniti; tra le e-mail recentemente diffuse ve ne sarebbero anche nelle quali vengono riportati i nomi di coloro che avrebbero potuto ambire al ruolo di vice presidente.

Fin qui nessuna sorpresa, se non fosse per il fatto che tra le persone indicate vi sarebbero anche alcuni protagonisti della scena High Tech come per esempio Tim Cook, CEO della Casa di Cupertino, e Bill Gates, fondatore di Microsoft nonché uomo più ricco del mondo oggi impegnato in opere benefiche con sua moglie Melinda (altro nome presente nella lista).

Tale corrispondenza sarebbe stata effettuata tra la Clinton, destinataria, e John Podesta, il manager della campagna elettorale per il partito democratico; fra le altre personalità indicate vi sarebbero anche Ursula Burns, dirigente della Xerox, Howard Schultz di Starbucks, Muhtar Kent di Coca-Cola e l'immancabile imprenditore Michael Bloomberg.

Né la Clinton né Podesta (che comunque avrebbe reso nota la violazione del suo account e-mail) avrebbero ammesso la genuinità di tale elenco, ma secondo indiscrezioni il nome di Tim Cook sarebbe stato valutato separatamente, forse ritenendo che la sua immagine e il brand che gestisce potessero riscuotere un particolare consenso presso l'elettorato.

Alla fine anche Cook sarebbe stato depennato perché ritenuto troppo estraneo all'ambiente della politica, in una mail inviata dalla responsabile per la raccolta fondi Lindsay Roitman quest'ultima avrebbe sconsigliato di assumere un atteggiamento insistente verso l'amminstratore delegato di Apple per evitare di perdere il suo supporto.

Commenti
  • Segui Touchblog.it
Correlate