• RSSFeed RSS
  • CommentiScrivi un commento
  • Tim Cook: "Backdoor di stato come un cancro"
  • Niente WhatsApp su BlackBerry 10, Windows Phone 7.1 e Android 2.1/2.2

L'ISIS minaccia Zuckerberg e Dorsey

I componenti dell'ISIS (Islamic State of Iraq and Syria), cioè l'organizzazione terroristica di matrice islamica integralista autoproclamatasi Stato Islamico nel corso del 2014, avrebbero recentemente minacciato Mark Zuckerberg e Jack Dorsey attraverso un filmato della durata di 25 minuti distribuito su Internet a fini propagandistici.

Nello specifico i terroristi avrebbero minacciao i CEO di Facebook e Twitter promettendo loro di "crivellarli di proiettili", tale comunicato sarebbe stato confezionato come reazione alla chiusura di alcuni account e alla rimozione di alcuni post chiaramente inneggianti all'attività dell'ISIS e mirati al proselitismo intorno alla causa di quest'ultima.

Il video in questione sarebbe stato accompagnato da un testo nel quale si legge che per ogni account chiuso l'ISIS reagirà aprendone altri 10; secondo quanto dichiarato dagli autori entrambi i social network verranno poi concellati dalla Rete, e i loro manager eliminati, una volta che l'organizzazione raggiungerà il proprio obbiettivo.

Sempre a detta dei terroristi attualmente l'ISIS controllerebbe non meno di 10 mila profili sulla piattaforma di Menlo Park e circa 5 mila sul Sito Cinguettante, 150 i gruppi creati su Facebook. Il fenomeno ha forse una portata inferiore ma la presenza dell'organizzazione tra le pagine dei social network sarebbe stata già accertata da tempo.

Le reazioni dei diretti interessati sarebbero state tutt'altro che scomposte e preoccupate; nel caso specifico di Twitter i responsabili del progetto avrebbero dichiarato di non voler rispondere in alcun modo, questo perché le minacce di morte contro l'amministratore delegato del gruppo arriverebbe praticamente ogni giorno.

Commenti
  • Segui Touchblog.it
Correlate