• RSSFeed RSS
  • CommentiScrivi un commento
  • HP e il software non richiesto che rallenta le performance
  • Risparmiare traffico con Google Datally

Il primo politico virtuale Ŕ neozelandese

SAM Ŕ il nome di un'Intelligenza Artificiale creata dall'imprenditore neozelandese Nick Gerritsen che ha la caratteristica di poter affrontare tematiche politiche imparando dall'esperienza. L'obbiettivo del progetto Ŕ quello di realizzare un politico virtuale in grado di candidarsi alla carica di Primo Ministro entro il 2020.

SAM Ŕ stato concepito per fare quello che pochi politici "in carne ed ossa" sono in grado di portare a termine con successo (anche al di fuori del Paese oceanico): dialogare con gli elettori senza pregiudizi, riuscendo a confrontarsi in modo obbiettivo indipendentemente da quelle che sono le opinioni dell'interlocutore.

L'algoritmo alla base di questa AI Ŕ in piena fase di sperimentazione per cui ad oggi presenta una capacitÓ d'interazioni piuttosto limitata, per comunicare con SAM ed essere capiti Ŕ necessario utilizzare keyword specifiche. Le tecnologie per il machine learning integrate permetteranno solo con il tempo di affrontare tematiche complesse.

Chi volesse parlare con SAM, tramite Facebook Messenger, potrÓ recarsi sul sito ufficiale del progetto e cliccare sul pulsante "Talk to SAM", si tenga conto per˛ che gli output supportati sono in pratica quelli che sarebbero disponibili comunicando con la chatbot della customer care di una qualsiasi azienda. Praticamente obbligatorio l'uso dell'Inglese.

L'ipotesi (per ora fantascientifica) di affidare il governo di uno stato ad una macchina crea diversi interrogativi, riguardanti in particolare il ruolo dei suoi controllori sulle decisioni prese. Nessuno sarebbe per˛ in grado di sostenere con certezza che la scelte politiche di un'AI possano rivelarsi peggiori rispetto a quelle di un essere umano.

Commenti
  • Segui Touchblog.it
Correlate