• RSSFeed RSS
  • CommentiScrivi un commento
  • Anticipazioni sul Samsung Galaxy S8
  • Anticipazioni sull'iPhone 8

La Russia abbandona Ms Office per la sua suite

La Confederazione Russa sembrerebbe seriamente intenzionata ad abbandonare l'uso di Ms Office come soluzione per la produttività in favore di una soluzione "fatta in casa". Moi Ofis Pochta, questo il nome dell'alternativa "autarchica" all'offerta di Redmond che verrà utilizzata inizialmente dalle istituzioni moscovite per poi estendersi al resto del Paese.

Si comincerà dalla gestione della posta elettronica, Exchange Server, Windows Mail e Outlook verranno sostituiti in breve tempo per ottimizzare i costi e garantire una maggiore indipendenza da applicazioni "Made in USA". In futuro l'avvicendamento dovrebbe riguardare l'intero pacchetto Ms Office e forse anche Windows sarà rimpiazzato da un'alternativa sviluppata localmente.

Tale iniziativa rientrerebbe nel quadro delle strategie messe in piedi dalla Confederazione Russa per rispondere alle sanzioni emesse dai paesi occidentali in seguito al conflitto ucraino. L'autarchia tecnologica di una nazione così grande potrebbe rappresentare un duro colpo per diversi colossi stranieri dell'High Tech che estendono il proprio mercato in quell'area.

Secondo quanto dichiarato da Nikolaj Nikiforov, il ministro russo delle Comunicazioni e dei Mass Media, d'ora in poi i soldi dei contribuenti dovranno essere reinvestiti in software prodotto nel loro stesso Paese. La realizzazione di questo progetto sarebbe stata affidata all'operatore statale Rostelecom, a sviluppare il nuovo software sarà invece la società Novye oblachnye technologhii.

L'investimento previsto dovrebbe aggirarsi inizialmente intorno ai 40 milioni di rubli, più o meno 625 mila dollari, un primo piccolo passo verso un cambiamento che potrebbe coinvolgere anche la terminologia adottata per la tecnologia; ad esempio non verrà più utilizzata la parola "cloud" in favore dell'autoctona "oblako".

Commenti
  • Segui Touchblog.it
Correlate