• RSSFeed RSS
  • CommentiScrivi un commento
  • WhatsApp non collabora e il Brasile la oscura
  • Xbox non supporterà (Mac) OS X

USA: profili social in regola per avere il visto

Se uno dei vostri desideri per il prossimo futuro è quello di visitare gli Stati Uniti, state molto attenti a ciò che postate sui social network, aver tenuto una buona condotta su piattaforme come Facebook e Twitter potrebbe infatti diventare una condizione necessaria per l'ottenimento del necessario visto d'ingresso.

In sostanza il Dipartimento di Sicurezza degli USA avrebbe in progetto di effettuare un controllo preventivo su quanto pubblicato nei profili online dei potenziali visitatori prima di consentire a questi ultimi di entrare all'interno del proprio territorio; post, foto, immagini, link e commenti inseriti verranno passati allo scanner e costituiranno un criterio dirimente per i nullaosta.

Tale iniziativa sarebbe una conseguenza diretta dei recenti, e gravi, episodi di matrice terroristica avvenuti a Parigi e, a pochi giorni di distanza, negli stessi Stati Uniti a San Bernardino in California; l'idea delle autorità americane sarebbe in pratica quella di valutare la pericolosità di un soggetto sulle base dei contenuti da lui condivisi in Rete.

A tal proposito è comunque bene precisare che i controlli dei profili sui social network non rappresenterebbero una novità assoluta per quanto riguarda gli USA; tali verifiche erano infatti già in corso da qualche tempo, ma venivano effettuate soltanto "a campione", cioè non riguardavano l'intero parco dei richiedenti il visto.

Inutile ricordare che questa decisione, al momento semplicemente una proposta destinata a diventare operativa o meno, non avrebbe mancato di suscitare polemiche, soprattutto per via del fatto di non poter identificare dei criteri meno arbitrari possibili sulla base dei quali giudicare se un determinato profilo sociale possa effettivamente dimostrare la pericolosità di chi lo gestisce.

Commenti
  • Segui Touchblog.it
Correlate